Casciatelli ( o fiadoni) di Pasqua

Una ricetta semplice e genuina che richiama i gusti, i sapori e le suggestioni di una volta: quelle delle case delle nonne, delle giornate spensierate da bambini, dei sapori autentici.

Prosegue in questi giorni il mio percorso verso la Pasqua. Un cammino non solo spirituale ma a tutto tondo. Oggi la gioia di rinnovare un rito, la soddisfazione di preparare un piatto della tradizione, il languore nell’assaggiarne uno dopo l’altro, perché si sa, i casciatelli, sono come le ciliegie. Sono svariate le ricette dei fiadoni o casciatelli (come si chiamano dalle mie parti), ma io ho optato per la semplicità evitando spezie e aromi. Gli ingredienti principali in ogni caso sono le uova e i formaggi: nello specifico io ho usato rigatino abruzzese, pecorino di Farindola e Parmigiano Reggiano.

Ingredienti per la sfoglia: 500g di farina00, 2 uova, 120 g di vino bianco, 140 g di olio evo, sale (due o tre pizzicate)

Ingredienti per il ripieno: 350 g di Rigatino Abruzzese, 150 g di Pecorino di Farindola, 100 g di Parmigiano Reggiano, 6 uova intere e due albumi, 2 tuorli per spennellare e un filo d’olio evo da spennellare.

PROCEDIMENTO

Iniziare a preparare la sfoglia mescolando poco alla volta tutti gli ingredienti in una ciotola e una volta che si sarà formata una sfera trasferire il tutto sul piano di lavoro e impastare bene per alcuni minuti. Lasciar riposare per 30 minuti. Nel frattempo iniziare a preparare la farcitura. Mescolare in una terrina grande le 6 uova intere con i due albumi e aggiungere i formaggi mescolando molto bene.

Riprendere la sfoglia lavorandola con la macchinetta per la pasta, prima in un formato più spesso e poi assottigliandola (più sarà sottile, più i casciatelli saranno croccanti e pregiati). Una volta ottenuta la striscia di sfoglia, formare tante polpettine con l’impasto e poggiarle sulla sfoglia che andremo a ripiegare su se stessa. Con le mani pressare intorno al ripieno e con una rotella tagliapasta (la mia Nonna Antonietta la chiamava  cherichella) ritagliare tanti ravioli. Procedere così fino alla fine degli ingredienti. Una volta ottenuti i “ravioli”, disporli su una teglia con carta forno e spennellare con tuorlo e olio evo. Infine incidere sulla gobbetta una croce aiutandosi con le forbici. Infornare per circa 20 minuti a 180°C (regolatevi in base al vostro forno). Felice Pasqua con gusto e buon gusto!

 

 

Articolo precedente
Gnocchi di zucca con cozze
Articolo successivo
Baccalà con peperoni arrosto
Cerca nel Sito
Contatti
Post Recenti
Menu